in cultura

Codacons: l’Agcom ha accolto l’esposto contro i costi occulti sulle ricariche

L’Agcom diffida i tre operatori telefonici a non proseguire con l’applicazione dei costi occulti 

Il Codacons, l’associazione dei consumatori, nelle scorse settimane aveva presentato un esposto all’Agcom e Antritrus in merito alle ricariche premium di Tim, Vodafone e Wind, le quali prevedevano servizi aggiuntivi a pagamento scalando uno o due euro dal credito disponibile. Tutto questoavveniva senza che l’utente ne fosse informato con la conseguente impossibilità di scegliere se usufruire o meno del servizio.

Qualche giorno fa, l’Agcom ha accolto l’esposto presentato dal Codacons contro i costi occulti di queste compagnie.
“Il Codacons è stata la prima associazione in Italia a denunciare tale pratica scorretta attraverso la quale le compagnie telefoniche sottraevano uno o due euro ai consumatori al momento di effettuare una ricarica telefonica, in cambio di servizi Premium non richiesti – spiega il presidente Carlo Rienzi – L’Autorità ha accolto in pieno la nostra denuncia contro Tim, Wind e Vodafone e i tre operatori sono stati diffidati dall’Agcom a non continuare a commercializzare le ricariche che prevedono la sottrazione di un euro dall’accredito”.
“Ora chiediamo che i soldi sottratti ai consumatori dopo l’acquisto della ricarica siano restituiti agli utenti, considerata la scorrettezza della pratica accertata dall’AGCOM” – conclude Rienzi.

 

Immagine di copertina: www.pixabay.com