• Elena Osipova, l’artista che protesta contro le guerre e il potere russo

    Elena Osipova, l’artista che protesta contro le guerre e il potere russo

    Intervista di Meduza 

    Elena Andreevna Osipova è chiamata anche la “coscienza di San Pietroburgo”. Da 20 anni protesta contro le guerre e il potere russo. Elena, 76 anni, è un’artista e insegnante, ha insegnato ai bambini a disegnare fino al suo pensionamento e ora si reca nelle strade centrali della città per manifestare contro la guerra. Nel marzo 2022 è stata più volte trattenuta in occasione dei comizi: il filmato girato il 2 marzo, ha suscitato grande risonanza sui social network. Meduza ha parlato con l’artista. 

    Le parole di Elena Osipova 

    Il 24 febbraio, nel cuore della notte, una donna, probabilmente una giornalista, mi ha chiamato e mi ha chiesto come mi sentivo per quello che era successo. Di tanto in tanto ricevo chiamate che chiedono la mia opinione su determinati eventi. Ho risposto che il Fuhrer russo è andato all’Anschluss e per questo ero pronto da molto tempo. Già nel 2014 mi era chiaro dove stesse andando la politica di Vladimir Putin nei confronti dell’Ucraina. La maggior parte dei miei manifesti contro la guerra sono stati realizzati allora. Ma nessuno credeva che questo potesse accadere.

    Il 24 febbraio sono uscita al centro di San Pietroburgo con uno striscione su cui erano scritti alcuni versi  Marina Cvetaeva. E’ vero, ha scritto della Germania e io ho scritto della Russia.

    Sono uscita con un senso di completa disperazione, ma sono stata incoraggiata e ispirata dalle persone. Ce n’erano molti per strada quel giorno, fuggivano dalla polizia e gridavano: “No alla guerra!”. Alcuni chiesero: “Cosa possiamo fare? Come possiamo aiutare l’Ucraina?” Tutto questo mi ha dato una grande speranza. Ho visto che molte persone non condividono le azioni della Russia in Ucraina.

    All’inizio volevo andare a Gostiny Dvor, ma lì c’erano un sacco di poliziotti, mi avrebbero preso subito.  Ma alla fine è arrivata la polizia. Alcuni giornalisti sono riusciti a correre e a fotografarmi mentre mi portavano via. Le persone hanno cercato d’intervenire in mio aiuto, ma io stesso ho detto loro di non preoccuparsi. Mi hanno caricato su un’auto della polizia e mi hanno accompagnato a casa. 

    Cerco di manifestare il più possibile. La salute non sempre lo permette, ora mi aggrappo solo alle medicine. Il 27 febbraio sono uscita con uno striscione che mostrava un soldato bendato. Sua madre gli toglie le armi e gli chiede: “Non andare, figlio, a questa guerra”. Ho anche aggiunto: “Soldato, lascia cadere la tua arma, non sparare – e sarai un vero eroe”. In effetti, in una situazione del genere, questo è il vero eroismo. È meglio andare in tribunale che uccidere pacifici ucraini. 

    Poi ho appreso che la gente voleva radunarsi per una grande manifestazione vicino a Gostiny il 2 marzo. Ci sono andata in accordo con gli altri. Ho preso un poster sul tema delle armi nucleari, disegnato tempo fa. Sul mio poster ho sollevato  la questione del disarmo di massa e del divieto immediato delle armi nucleari.

    Se le persone avessero iniziato subito a manifestare e a protestare, forse sarebbe andato tutto diversamente.

    “La prima volta che ho pubblicato un poster è stato nel 2002. Poi era in corso la seconda guerra cecena e quello che accadde a Nord Ost. Io, come tutti, ho seguito dal vivo gli eventi di Dubrovka. 

    D’allora ho capito che non potevo più tacere. Ho scritto a mano su un foglio di carta da disegno: “Signor Presidente, cambia urgentemente rotta!” Nessuno allora protestò, nessuno si unì a me. Rimasi da sola.

    Poi accadde l’ancor più terribile Beslan il 1 settembre 2004.  Su uno dei manifesti scrissi: “Mamme del mondo, fate nascere piccoli principi, loro salveranno il mondo!” E anche quasi nessuna reazione. Solo i genitori dei bambini morti uscirono in strada. 

     Siamo in ritardo. Se la gente avesse iniziato subito a manifestare e protestare, forse tutto sarebbe andato diversamente.

    Ci sono molte brave persone, ma hanno paura. E non posso biasimarli, ovviamente. Capisco che hanno paura di perdere il lavoro, i soldi, la libertà.Io non ho niente da perdere. Posso morire in qualsiasi momento.

    Non vendo politica. Altrimenti nessuno mi crederà

    Ho disegnato quasi tutta la mia vita. Mia nonna lavorava come guardia al Museo Russo e quando ero piccola mi portava spesso con sé. La mamma poi lavorava giorno e notte, non c’era nessuno con cui lasciarmi. Dall’età di tre anni ho corso per il Museo Russo e ho studiato dipinti. Mi è piaciuto particolarmente “L’apparizione di Cristo al popolo” di Alexander Ivanov. Mi sono sdraiato sul pavimento davanti a questa foto e l’ho guardata a lungo. 

    Poi ho studiato alla Roerich Art School, prima si chiamava Tauride. Ho insegnato a lungo, ho contribuito a creare da zero tre scuole d’arte. Ho insegnato ai bambini a disegnare fino al suo pensionamento. Nel 2009 è morto il mio unico figlio e poi ho finito di insegnare: i bambini hanno bisogno di sorridere, ma io no.

    Conservo tutti i miei poster. Mi è stato offerto più volte di venderli, ma ho subito detto di no. Non vendo politica. Altrimenti nessuno mi crederà. Mi accusano che qualcuno mi paga per delle azioni. Ho solo il diritto di vendere i miei dipinti, ma mai i poster. È vero, mi hanno detto che c’erano persone che fotografavano i miei lavori e li vendevano, ma io stesso non ho venduto un solo poster e non lo venderò. Tutti loro sono con me, tranne quelli che non hanno potuto essere salvati dalla polizia. Ne ho più di cento a casa.

    Esco con i manifesti da 20 anni. Non ho nulla da perdere. La mia pensione è di soli  sei mila rubli. Molte persone vengono per strada e offrono denaro, ma non posso  accettarlo. Alcuni anni fa, hanno raccolto per me cinquemila rubli per pagare una multa per aver partecipato a una manifestazione, ho inviato questi soldi ai ragazzi condannati nel  caso Bolotnaya . Non posso accettare soldi. Solo materiale per poster. La gente ora mi porta colori e cartone.Questo è l’unico aiuto che posso accettare.

    Tutto mi è stato chiaro fin dall’inizio, quando solo Boris Eltsin ha nominato un successore. Queste persone hanno costruito un intero sistema per se stesse, hanno raccolto denaro e lo usano solo per le armi. Il militarismo è ormai presente anche tra le giovani generazioni. I bambini sono condotti in berretto e raramente si vede una colomba nelle mani di qualcuno. Come se non ci fossero state guerre terribili prima, come se tutti avessero dimenticato. Sostengono questo governo e mettono le persone contro il mondo. Si vantano di uccidere!

    Ho sempre immaginato la Russia come un uccello. Un uccello che vuole essere pacifico e libero. Mia amata, sfortunata Russia. Amo ancora questo paese, ci sono cresciute così tante persone di talento, ha dato così tante idee all’arte mondiale. Non ho mai voluto andarmene da qui.

    Ora la questione è quanto rimane dell’attuale governo russo. Il destino della Russia è stato deciso, e anche il destino del mondo intero. Forse l’orrore che è successo permetterà di cambiare qualcosa. Cerco di credere e di dare speranza alle persone. In quale altro modo vivere?

     

    Per supportare Meduza 

    Immagine di copertina: The Times of Israel