Annalisa Catapano

Blog di approfondimento

Il manifesto sovranista sottoscritto da Orban, Meloni, Salvini, Le Pen e altre forze politiche

Si chiama “Unione dei patrioti europei”, l’accordo siglato da Marine Le Pen, Matteo Salvini, Viktor Orban, Jaroslaw Kaczynski, Santiago Abascal, Giorgia Meloni e altre dieci forze politiche europee.

Si tratterebbe di un primo passo verso la costituzione di un grande alleanza sovranista  al Parlamento europeo, anche se la strada appare tutta in salita.

La dichiarazione congiunta

Una delle accuse lanciate nella dichiarazione è l’ideologia burocratica e tecnocratica di Bruxelles che impone i suoi standard a tutti i cittadini. La costituzione di una grande alleanza sovranista quindi si rende necessaria nel momento in cui globalisti ed europeisti, di cui Emmanuel Macron, mirano ad aumentare il potere egli organismi europei.

Secondo i firmatari l’Unione Europea sta diventando uno strumento di forze radicali finalizzate a costruire un superstato europeo, annullando le tradizioni e i poteri dei paesi membri.

Riaffermano inoltre l’importanza della famiglia tradizionale, come unità delle nazioni. In un’epoca di crisi  demografica, le politiche a favore della famiglia dovrebbero essere la risposta piuttosto  che l’immigrazione di massa.

Ma la mano di Orban si nota in un particolare passaggio, dove gli interventi dell’Ue vengono definite “violente opposizioni” dei paesi ricchi nei confronti di quelli deboli. In tal senso  l’Ue ha assunto posizioni su leggi nazionali che violano palesemente i diritti umani e quindi i trattati europei. I casi più emblematici riguardano l’Ungheria e Polonia, soprattutto sui temi LGBT+.

La reazione di Letta e la posizione contraddittoria di Salvini

L’adesione dei partiti di destra, in particolare della Lega, ha suscitano una serie di reazioni nella maggioranza. Il segretario del Pd, Enrico Letta ha commentato: “ Non si può stare allo stesso tempo con l’europeismo e con Orban. Non si può essere sostenitori insieme di Draghi e di Orban. Semplicemente, non si può. L’Alleanza in Europa  dei sovranisti di Salvini e Meloni ha due Primi Ministri Orban e Morawiecki. Sono gli unici 2 che l’anno scorso han messo il veto a Next Generation EU e al RecoveryPlan che salva l’Italia. Solo la determinazione degli altri 25 li ha poi battuti.”

Ma la posizione di Matteo Salvini risulta ancora più contraddittoria, dopo che in un’intervista al Financial Times si è definito un “leader moderato, liberale ed europeista.”

 

VEDI ANCHE

Ungheria, approvata la legge che vieta contenuti LGBTQ+ ai minori di 18 anni

 

wwww.annalisacatapano.it è un blog di approfondimento, basato sui fatti e gratuito. Ma il lavoro che c’è dietro ha un costo. Il tuo contributo, anche minimo, permetterà di portare avanti il progetto, con tanti approfondimenti di qualità.  Grazie mille!



 

Immagine di copertina: diariodelweb.it