Annalisa Catapano

Iraq, il genocidio dei Yazidi

Sette anni fa, esattamente il 3 agosto del 2014, ebbe inizio il genocidio dei Yazidi (minoranza religiosa di lingua curda). Nel 2015 il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha riconosciuto i crimini contro l’umanità perpetrati dall’Isis nei confronti della minoranza Yazida. 

I villaggi yazidi furono assediati dai miliziani Isis.
Gli uomini e i ragazzi che si opponevano alla conversione all’islam, vennero giustiziati sommariamente sul posto, rei di professare una religione non conforme ai dettami del califfato.

Le donne e le bambine furono rapite, ridotte in schiavitù  e vendute ai membri dello stato islamico.
L’Isis agì brutalmente anche sui bambini piccoli con una rieducazione coatta con lo scopo di cancellare la loro identità, il loro nome e la loro lingua, riducendoli alla fame.

La drammatica situazione dei bambini e delle bambine yazidi

 Amnesty International ha denunciato la drammatica situazione di circa 2000 minori yazidi con problemi mentali e fisici senza precedenti. Molti sopravvissuti hanno ferite, malattie e menomazioni fisiche. In termini di salute mentale, soffrono di depressione, ansia e stress post traumatico. I sintomi e comportamenti variano dalle condotte aggressive, flashback, incubi, e sociopatia. Molte bambine, oggi donne, presentano problemi ad avere figli e a portare avanti le gravidanze. 

Ad oggi ci sono ancora 2.871 persone da cercare. A distanza di sette anni del genocidio, ci sono stati solo 4 condanne. Lo scorso 22 luglio ad Amburgo, Omaima A., affiliata al Daesh  è stata condannata a quattro anni per favoreggiamento di crimini contro l’umanità nei confronti di due donne yazide.  Ma la comunità chiede ancora giustizia. 

Immagine di copertina: www.amnesty.it 

www.annalisacatapano.it è il blog di approfondimento che si pone l’obiettivo di offrire degli strumenti per comprendere al meglio la realtà e avere un giudizio critico.
I temi trattati riguardano la politica, l’ambiente, l’economia  e i diritti umani.
I contenuti di questo blog richiedono ricerca e tanto approfondimento.
Tutto questo però ha bisogno di un tuo contributo, anche minimo. Grazie mille!