Il Ddl Zan

Il 4 novembre 2020, con 265 voti a favore e 193 contrari e 1 astenuto, la Camera dei Deputati ha approvato il ddl Zan (il nome del relatore) per contrastare la discriminazione e la violenza per motivi legati al sesso, al genere, all’orientamento sessuale e alla disabilità.

Il ddl Zan è fermo al Senato, a causa dell’ostruzionismo del centro-destra.  Dopo 1091 giorni, il Ddl Zan è stato calendarizzato alla Commissione Giustizia del Senato.

VEDI ANCHE La legge sull’omotransfobia, misoginia e abilismo è ferma in Senato

Cosa prevede la legge Zan articolo per articolo

L’articolo 1

Definisce il sesso, genere, orientamento sessuale e indentità di genere.

L’articolo 2

Il DDL Zan all’art  604 bis, comma 1, lettera a, b e comma 2  aggiunge le parole “fondata sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità.”

“Con la reclusione fino ad un anno e sei mesi o con la multa fino a 6.000 euro chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali. religiosi oppure  fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità

b) con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo, istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, oppure  fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità.

Secondo comma  2 E’  vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali,  religiosi  oppure  fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità.  Chi partecipa a tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi, o presta assistenza alla loro attività, è punito, per il solo fatto della partecipazione o dell’assistenza, con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Coloro che promuovono o dirigono tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da uno a sei anni.

Articolo 3

Modifica l’articolo 604 ter c.p “per i reati punibili con pena diversa da quella dell’ergastolo commessi per finalità di discriminazione, di odio etnico, nazionale, religioso, oppure  fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità.”

Articolo 4 

Contiene “il pluralismo delle idee e la libertà delle scelta”. In altre parole prevede “la libera espressione di convincimenti  od opinioni, ovvero le condotto legittime riconducibile al pluralismo delle idee e alla libertà delle scelte, purchè non idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti.”

Articolo 5

Apporta alcune modifiche alla legge Mancino in merito alla discriminazione, odio, violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

art 1 “per i delitti di cui all’art 604 bis del codice penale ovvero per un delitto aggravato dalla circostanza di cui all’art 604-ter del medesimo codice il tribunale può disporre una o più sanzioni accessorie.

a) obbligo di prestare un’attività non retribuita a favore della collettività per finalità sociali o di pubblica utilità, secondo le modalità stabilite ai sensi del comma1-ter;
b) obbligo di rientrare nella propria abitazione o in altro luogo di privata dimora entro un’ora determinata e di non uscirne prima di altra ora prefissata, per un periodo non superiore ad un anno;
c) sospensione della patente di guida, del passaporto e di documenti di identificazione validi per l’espatrio per un periodo non superiore ad un anno, nonché divieto di detenzione di armi proprie di ogni genere;
d) divieto di partecipare, in qualsiasi forma, ad attività di propaganda elettorale per le elezioni politiche o amministrative successive alla condanna, e comunque per un periodo non inferiore a tre anni (2).

Il comma 1 ter è sostituito “nel caso di condanna per uno dei delitti indicati 1-bis, la sospensione della pena può essere subordinata, se il condannato non si oppone, alla prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività

Articolo 6 

Art 90 quater c.p “La condizione  di particolare vulnerabilità della persona offesa è desunta, oltre che dall’età e dallo stato di infermità o deficienza psichica, dal tipo di reato, dalle modalità e circostanze del fatto per cui si procede. Per la valutazione della condizione si tiene conto se il fatto risulta commesso con violenza alla persone, con odio razziale o fondato sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere.

Articolo 7

Istituisce la Giornata nazionale contro le discriminazioni determinate dall’orientamento omosessuale, bisessuale o dall’identità di genere, nella stessa data in cui tale ricorrenza è celebrata a livello internazionale. Il 17 maggio, infatti, assume un particolare significato simbolico per tutti coloro che combattono le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere. Infatti, nel 1990, l’Organizzazione mondiale della sanità ha eliminato l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali.

Articolo 8

Riguarda l’elaborazione di una strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto  alle discriminazioni per motivi legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Articolo 9

All’art 105 -quater riguarda le misure per il sostegno delle vittime dei reati previsti dall’art  604 bis c.p commessi per motivi fondati sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere della vittima, ovvero di un reato aggravato.

Articolo 10

Prevede lo svolgimento di una rilevazione statistica a cadenza triennale, eseguita dall’Istat.

 wwww.annalisacatapano.it è un blog di approfondimento, basato sui fatti e gratuito. Ma il lavoro che c’è dietro ha un costo. Il tuo contributo, anche minimo, permetterà di portare avanti il progetto, con tanti approfondimenti di qualità.  Grazie mille!!!



Export armi, le organizzazioni della società civile denunciano il tentativo di depotenziare la legge 185/90

Le Organizzazioni internazionali impegnate da sempre nella promozione della pace, del disarmo, della protezione umanitaria e del rispetto dei diritti umani, fanno appello al Governo per ribadire la necessità  di applicare in modo rigoroso e trasparente la legge 185/90  che vieta la vendita di armi a Paesi  che violano i  diritti umani, e le norme internazionali che la rafforzano.

Il decimo anniversario della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

La Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica La Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, nota come Convenzione di Istanbul, è stata approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011 ed aperta alla firma l’11 maggio 2011 a Istanbul.

Unione Europea, clima: il Consiglio e il Parlamento raggiungono un accordo provvisorio

In vista del summit sul clima del 22-23 aprile, i negoziatori del Consiglio e del Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico provvisorio che sancisce l’obiettivo della neutralità climatica dell’UE per il 2050 e l’obiettivo collettivo di ridurre almeno del 55% le emissioni nette di gas a effetto serra (emissioni al netto degli assorbimenti) entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

Renzi in Arabia, il Senato non ha un codice di condotta per le attività extraparlamentari

Ha fatto molto discutere la recente partecipazione del senatore Matteo Renzi a una conferenza della Future Investment Initiative controllata dal Fondo sovrano di investimenti dell’Arabia Saudita, Paese molto criticato per la violazione dei diritti umani e civili.  Il senatore  come membro del consiglio dei garanti della Future Investment Initiative, ha confermato inoltre di aver percepito un compenso regolare e la copertura delle spese di viaggio.

Scorie nucleari, pubblicata la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee al deposito

Il 30 dicembre Sogin,  la società di Stato incaricata del decommissioning degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi, ha avuto il nulla osta del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per la pubblicazione della Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) al deposito, fino a poco tempo fa, protetta dal segreto di Stato.

In Italia l’aborto farmacologico potrà avvenire in day hospital e fino alla nona settimana

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sui canali social ha annunciato un aggiornamento delle linee guida in merito all’aborto farmacologico.  In concreto vi sarà la possibilità di ricorrere alla pillola abortiva in day hospital e fino alla nona settimana di gestazione.  La decisione è arrivata dopo il via libera da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e le varie polemiche in seguito alla decisione della Regione Umbria di ritornare al ricovero di tre giorni.